lunedì 28 settembre 2020
  • :
  • :

Natale a Danisinni, rinascita di un rione di Palermo

Natale a Danisinni, rinascita di un rione di Palermo

Natale a Danisinni, rinascita di un rione di Palermo.

A Palermo si è festeggiato il “Natale a Danisinni”, come da molti anni avviene, in una cornice naturale quale la fattoria della Parrocchia di Sant’Agnese, il parco dove sono ospitati tanti e vari animali in quella che appare come un’oasi verde e di respiro biologico nel mezzo del cemento cittadino. Nella serata di venerdì 30 dicembre, appunto nel quartiere Danisinni, è stato rappresentato il presepe vivente, manifestazione sacra giunta ormai alla ventesima edizione. La narrazione storica della Natività del Signore ha contato in scena centinaia di figuranti, e in particolare le famiglie del rione, in un momento di collaborazione e reciprocità intergenerazionale. Gli allestimenti del Presepe permanente rimarranno nel parco della Parrocchia fino al 6 gennaio.

15724806_1186177308102538_205901962869333594_o 15732037_1186177984769137_7715423320677299493_o 15732166_1186177781435824_5099422172871286317_o 15724509_1186178148102454_3872715893722070799_o

È nelle viscere di una “Palermo nascosta” che un intero rione mette in scena la natività con l’impegno fisico ed artistico che i figuranti hanno potuto mettere nella rappresentazione. In un luogo di forte significato, vuoi per la conquista di uno spazio naturale a discapito del grigiore urbano, vuoi per la presenza di tanti animali che rievocano la dimensione più semplice e rurale della natività cristiana, la interpretazioni di adulti e bambini comunicano la voglia di fare e la possibilità di redimersi. Danisinni è vitalità.

Ma cos’è questa storia dell’itinerario di valorizzazione UNESCO che si legge ovunque? L’iniziativa natalizia rientra all’interno di un più ampio piano di sviluppo socio-economico del rione, che ha visto tra l’altro, l’inserimento di Danisinni, come itinerario di valorizzazione nel Dossier Unesco di “Palermo Araba Normanna” in cui è stata inclusa anche la creazione del biostagno con il riaffiorare in superficie delle acque dell’antico fiume Papireto, prima dominante la depressione della piazza principale di Danisinni. Il progetto di valorizzazione territoriale risalente al 2014, ideato da ASTES, è stato realizzato dall’associazione Insieme per Danisinni e dalla Parrocchia di Sant’Agnese. Una mobilitazione territoriale di forze giovani che ha dimostrato la presenza e la volontà di far rinascere un angolo disagiato e una delle zone meno note di Palermo. Il rione ha la possibilità di promuovere il proprio capitale sociale e promuoversi grazie al sostegno comunale che deriverebbe dall’attenzione verso il percorso Arabo-Normanno, ideale punto di confluenza di investimenti economici. Almeno sulla carta, l’impegno dell’amministrazione è rintracciabile nell’attuale collaborazione economica che, nonostante la riuscita del Presepe vivente che ne ha beneficiato, resta fortemente richiesta per ulteriori ed importanti interventi sul territorio.

Daniele Monteleone