Il Progetto

Programma Operativo FESR 2007/2013

Asse VI – Sviluppo Urbano sostenibile – Linea di intervento 6.1.4 :  Rafforzare la rete dei servizi di prevenzione e delle attività orientate alle situazioni di maggiore disagio nelle aree urbane

OPEN SPACE – Reti e luoghi per la promozione giovanile
Un’Operazione del Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale della Sicilia 2017/2013

Il Progetto

Il Progetto ha avuto come finalità quella di infrastrutturare una rete pubblico/privata di servizi, adeguata a rispondere alle problematiche ed alle esigenze di giovani dai 14 ai 24 anni in situazioni di fragilità sociale, culturale, psicologica ed economica.

L’approccio metodologico utilizzato è stato ed è quello della progettazione partecipata attraverso la definizione di strategie di intervento che hanno avuto come finalità lo sviluppo locale integrato e sostenibile. Fruitori dell’intervento sono stati e sono quindi non solamente i giovani “fragili”, accompagnati in un percorso di autonomia attraverso la definizione di Progetti Educativi Individualizzati, ma anche la loro comunità di appartenenza, siano esse comunità locali o comunità di stranieri presenti sul territorio, gli operatori del pubblico e del privato coinvolti, la cittadinanza nelle sue diverse componenti sociali.

Attraverso l’intervento sono stati attivati servizi finalizzati ad offrire ai giovani opportunità per “sperimentarsi” dentro un processo policentrico e multidimensionale in cui ciascun giovane può sperimentare, accompagnato da adulti e da pari, una dialettica costruttiva che lo ricollochi come soggetti attivo e partecipante, che riesca a gestire e consolidare legami di reciprocità, soggetti culturali che trovano l’humus necessario per costruire nuovi significati e per tratteggiare nuovi mondi culturali, soggetti politici capaci di rileggere i problemi in una logica di diritti di cittadinanza.

Gli obiettivi strategici dell’azione di sviluppo locale integrato e sostenibile  nel medio e lungo termine si proiettano su diversi ambiti di intervento (reti, cultura, arte, sport, salute, intercultura, famiglia, ambiente, qualificazione urbana) sviluppando processi di coesione e di convergenza tra gli attori pubblici e privati della rete di partenariato ed in particolare tra gli oltre trenta Centri di aggregazione giovanile coinvolti.

Azioni sviluppate

  • Attivazione di un Polo di Sviluppo Cittadino

Infrastrutturazione di un Polo di sviluppo cittadino – Agenzia per la promozione della cittadinanza giovanile che ha come obiettivo quello di fare da “Cabina di Regia” per le politiche giovanili, luogo di progettazione partecipata e di fruizione di spazi da cogestire con i partner di progetto, con i giovani coinvolti e con le associazioni che vorranno aderire alla proposta di Progettazione partecipata. L’azione del Polo cittadino è stata  sviluppata dal CRESM Centro Ricerche Economiche e Sociali per il Meridione

  • Attivazione di Reti di supporto al Piano Locale Giovani

Attraverso l’azione è stata definita  una rete di supporto al Piano Locale Giovani attraverso il lavoro dei poli territoriali (Vedi azione 3), finalizzando il lavoro all’infrastrutturazione di una rete di servizi atti a supportare i giovani nell’accesso al lavoro (assistenza tecnica per i percorsi di inserimento lavorativo tramite l’attivazione di sperimentazioni di imprenditorialità giovanile), in percorsi per la cittadinanza attiva, in percorsi per il miglioramento della qualità della vita dei giovani (qualificazione del “tempo libero). Nell’azione sono coinvolti tutti gli enti Partner.

  • Attivazione Poli territoriali mediaeducativi

Attraverso il progetto sono stati attivati otto poli territoriali finalizzati a promuovere processi partecipativi e mediaeducativi. I Poli sono stati attrezzati per attivare processi di mediaeducation e di produzioni multimediali giovanili. Alcuni poli operano attraverso  Unità Mobili multimediali che costituiscono unità di lavoro socio-pedagogiche itineranti. L’obiettivo dei poli è quello di stimolare interessi culturali e creativi attraverso la fruizione di diversi servizi: una mediateca, una postazione radio-mobile attiva, una postazione video, una sezione dedicata all’informazione sulle varie iniziative che riguardano il mondo giovanile, in grado di muoversi sul territorio e coinvolgere i giovani direttamente nei luoghi di aggregazione spontanea; campagne informative e di sensibilizzazione; realizzazione di reportage audio-visivi sul mondo giovanile, sui suoi linguaggi e sulle sue diverse forme espressive attraverso il materiale multimediale raccolto (video, fotografie, musiche e testi),un laboratorio di post-produzione finalizzato alla costruzione di un prodotto tangibile.

  • Sostegno a Imprese sociale di inclusione socio lavorativa

L’azione ha sviluppato processi di consolidamento e sviluppo di attività finalizzate all’inclusione sociale e lavorativa di giovani in difficoltà all’interno dei due beni agricoli gestiti da organizzazioni sociali:

– Il Vivaio Ibervillea, gestito dalla Cooperativa Sociale Solidarietà”, finalizzato a promuovere azioni di inclusione sociale di soggetti con disabilità psichica. Le attività previste dall’azione sono:

–  L’Arca di Noè, una fattoria didattica attivata in un bene confiscato alla Mafia gestita dalla Associazione Jus Vita.

Per entrambi i beni è stato previsto il potenziamento delle infrastrutture del vivaio, l’attivazione di laboratori di giardinaggio, di orticoltura, la realizzazione di un orto multiculturale quale luogo di identificazione per persone e gruppi immigrati nella città di Palermo aventi le loro origini in contesti agricoli, l’attivazione di momenti di diffusione scientifica e culturale e momenti di convivialità e di spiritualità, l’organizzazione di eventi ed iniziative culturali e sociali.

Beneficiari

I beneficiari dell’operazione  “Open Space” sono:

  1. Giovani residenti a Palermo (14- 25 anni accolti dai Poli Multimediali
  2. Giovani (14-25 anni) immigrati ed extracomunitari e la loro comunità di appartenenza
  3. Le associazioni coinvolte nella partnership del presente intervento
  4. Le associazioni che vogliono aderire alla proposta del Piano Locale Giovani
  5. La comunità locale.

Enti partner del Progetto: