La violenza che tocca la musica

La violenza che tocca la musica

La violenza che tocca la musica

di Gaia Garofalo

La violenza che tocca la musica, che tocca i momenti di piacere in attimi così inaspettati: si rimane attoniti.
Forse impressiona così tanto perché anche tra noi, i più giovani, saremmo potuti essere là. Sono le canzoni che ascoltiamo in macchina, ad una festa, nella nostra camera, quelle che dedichiamo e con cui passeggiamo. Poteva esserci la mia compagna di classe, mia sorella, il mio migliore amico. Forse è per questo che agghiaccia, che ci rendiamo conto che nulla rimane scontato, nemmeno quella minima sicurezza e protezione.
Forse attanaglia perché non ci si riesce mai ad abituare alle ingiustizie, agli equilibri precari del mondo.
I Ragazzi del Centro Tau che aderiscono a SottoSopra movimento giovani  per Save the Children mandano un messaggio di solidarietà alle vittime dell’attentato di ieri sera a Manchester, durante un concerto di Ariana Grande, cantante pop ascoltata da giovani e giovanissimi.

Un messaggio di solidarietà per tutti quei luoghi nel mondo in cui tutto ciò non cessa di esistere.

Gaia Garofalo